Get a site

Digital Learning

New technologies have an impact on teaching and learning in terms of content, methodology, timing and space. Any type of learning that uses or is facilitated by technology is described as digital learning, which so encompasses concepts as online learning or e-learning (Warschauer, 2007; Luckin et al, 2011).
Digital learning provides higher levels of engagement and encourages creativity and participation. Researches focus on its effectiveness and whether it can lead to quality learning (Kajder and Swenson, 2004; Dineen, Samuel and Livesey, 2005; Peppler and Davis, 2010). Overall, digital learning appears to be an effective tools to augment, not replace, classic methods of learning by adopting a holistic approach (Puckett, 2013; Hare, 2015; Charlier et al., 2015).

Following Dewey (1938; Uhrmacher, 2009), experience is the foundation of learning as we learn through our lived experiences; to be educational, an experience needs to actively involve continuity and interaction in an intellectual and moral growth (Waks, 2015; Ostrow, 2015). For Entwistle and McCune (2013) learning consists of four dimensions: ability, willingness, awareness of process and sensitivity to context (p. 305). Learning results from the experiences between the environment, as Lebenswelt, and us as unique body-subjects with our personal characteristics (cognitive skills, personality, prior knowledges, etc.). Our ability to describe, process and manipulate objects and information in the experience is the source of learning, and we bodily participate to it. Reciprocally, learning outcomes influence human and environmental characteristics. This can be applied to learning and experiences with technology. A learner-centered approach can help to design more effective educational resources and increase learners’ engagement. Engagement is influenced by various factors, like design, autonomy, accessibility and shared decisionmaking (van Manen, 1990, p. 78; Pazurek-Tork, 2013; Barthel and Harrison, 2009).

Books of Art aims to promote art and poetry by narrating poems through artworks, and can be seen as a concrete example of digital learning. Therefore, it provides an effective way of learning and deepening knowledge about arts and poetry. It is highly suitable for specialist and non-specialist audience over 13/14 years old – so it includes students, youth, researchers, teachers, adults – and for a younger audience supported by families and/or school teachers (Beach, 2012; Gray, Thomas and Lewis, 2010).

Phenomenology allows to explore the relationship between learning, aesthetics and new media from a qualitative point of view (Cilesiz, 2011; Cocek, 2012; Lauwers, 2013; Hycner, 1985). Phenomenology is an approach to conceptualize lived experience as it aims to explore how phenomena are consciously experienced in the lifeworld, through a direct interaction between the researcher and the phenomenon considered (Giorgi, 1994; Moustakas, 1994). Methodologically, the phenomenological reduction ensures objectivity during the process of data analysis in a qualitative research (Giorgi, 2009; Padilla-Díaz, 2015; Ellett, 2011). Phenomenology does not provide dogmatic definitions but articulates descriptions of how phenomena appear and are bodily experienced by subjects.
Phenomenology enables a in-depth study of experience by adopting a comprehensive open systematic which integrates all possible meanings, theoretical and pragmatic level, qualitative and quantitative data.
Such research collects data through in-depth interviews and observations. Quantitative data are also collected to obtain basic information, by asking questions like how often? and how many?. Participants describe their experiences and emotions in their own terms. They are considered as co-researchers and so give constant feedback on the researcher’s interpretations (On Tam, 2008; Rose, 2011; Knepper and Wyllie,2012).

Books of Art is based on the homonymous Facebook page created in 2014. Currently, it has more than 21k followers, so the website can reasonably start with a discrete number of visitors. Initially, I started the Facebook page to order and share the poems I have been collecting on seven handwritten notebooks over the years: I read poems in libraries, books, comics, articles – and I was afraid of forgetting them. The poems – transcribed to remember them – do not follow any order and were chosen as inspirational for various reasons. There are more than 100 different authors, dealing with the most disparate topics.
In 2012 I decided to classify the poems in an archive to share them: after some attempts and reflections, I opted for a Facebook page and I decided to associate poems with artworks. This is made possible by my huge archive of images categorized into keywords.

As the website is quite recent doesn’t have the same number of content available on Facebook yet, and it also shows a series of technical challenges. Compared to the Facebook page, the website targets a wider audience and provides a greater authority, more control over the narrative to create a unique message, and a professional look. Lastly, users expect me to have a website, as I have received many requests about it on the Facebook page. Therefore social media – in particular Instagram, Facebook and Pinterest – become a way to share content from the website and necessary tools to reach new audience and bring it to the website. As I’m still publishing the fourth notebook, Books of Art has to be considered as a work in progress.

To facilitate poems’ reading and provide an interdisciplinary perspective, I decided to associate them with artworks (from XIV century to nowadays). Images provide substantial benefits: they allow users to visually envision the text and its meaning, and offer a unique point of view about it. Therefore images visually simplify the text, so its meaning is given as a whole and from an emotional – not only didactic – point of view. I use artworks rather than other types of images because I aim to share art in itself and to stimulate an aesthetic reflection on several levels. Regarding education, this leads to the acquisition of new concepts and knowledge, or to the deepening of them.

Through the association poetry-artworks, visitors can therefore:
• imagine and represent the text visually
• create a unique and personal connection with the text
• increase the reflection on the work, understood as a combination of poetry and
artwork

The other objective of Books of Art regards translations into English of contemporary Italian poems which haven’t been translated yet, as well as proposing new translations. Such perspective is very exciting as it would allow the website to promote untranslated poems to an English speaking audience, as well as to foster Italian literary heritage abroad.
Each poem is presented (if possible) in both English and Italian. The purpose is twofold. In primis, the website can thus address a wider audience in terms of language; in secundi, this is useful to increase the knowledge of English language among Italians. In particular, at school this can be useful to make students think about the meaning of translation and to test them with translation exercises.

Books of Art aims to share and promote art. Therefore, it intends to:
• actively engage users
• provide them knowledge about art and poetry in an interdisciplinary perspective
• ensure a user-centred experience
• give users a sense of ownership and personal progression
• inspire creativity and further researches, such as translations
• encourage accessibility and participation to art
• reach a new public and be relevant for younger generations

I nuovi media hanno avuto un forte impatto anche sull’apprendimento e sull’insegnamento,
influenzati in termini di contenuto e metodologia. Qualsiasi tipo di apprendimento che utilizza o è facilitato dalla tecnologia viene definito digital learning, ovvero apprendimento digitale, che comprende ad esempio l’ online learning o l’ e-learning (Warschauer, 2007; Luckin et al., 2011).

L’apprendimento digitale offre un coinvolgimento maggiore e incoraggia la creatività e la partecipazione. Le ricerche si concentrano sulla sua efficacia in senso qualitativo (Kajder and Swenson, 2004; Dineen, Samuel e Livesey, 2005; Peppler and Davis, 2010). Nel complesso, il digital learning appare uno strumento efficace per aumentare, ma non sostituire, i metodi classici di apprendimento, adottando un approccio olistico (Puckett, 2013; Hare, 2015; Charlier et al., 2015).

Seguendo Dewey (1938; Uhrmacher, 2009), l’esperienza è il fondamento dell’apprendimento in quanto impariamo attraverso essa; per essere educativa, un’esperienza deve coinvolgere attivamente continuità e interazione, in un processo di crescita intellettuale e morale (Waks, 2015; Ostrow, 2015). Per Entwistle e McCune (2013) l’apprendimento si basa sulle quattro dimensioni di abilità, volontà, consapevolezza del processo e sensibilità rispetto al contesto (p. 305). L’apprendimento deriva dalle esperienze tra l’ambiente inteso come Lebenswelt e la nostra corporeità intesa come soggettività con caratteristiche uniche e personali (abilità cognitive, personalità, conoscenze pregresse, ecc.). Dunque la nostra capacità di descrivere, elaborare e manipolare oggetti e informazioni derivanti dall’esperienza è la fonte dell’apprendimento, cui partecipiamo corporalmente. Reciprocamente, i risultati dell’apprendimento influenzano le caratteristiche umane e ambientali.
Il digital learning condivide queste caratteristiche. Un approccio centrato sul soggetto può aiutare a progettare risorse educative più efficaci ed aumentare il coinvolgimento degli studenti. Il coinvolgimento è influenzato da vari fattori come il design, l’autonomia, l’accessibilità e il processo di condivisione (van Manen, 1990, p. 78; Pazurek-Tork, 2013; Barthel e Harrison, 2009).

Books of Art si propone di divulgare arte e poesia – narrandola attraverso le opere d’arte – e di porsi come esempio concreto di digital learning. Si presenta, pertanto, come metodologia concreta ed effettiva nell’apprendere e/o approfondire la conoscenza dell’arte e della poesia, rivolgendosi a un pubblico specializzato e non specializzato dai 13/14 anni in su – inclusi studenti, giovani, ricercatori, insegnanti, adulti – e può anche essere usato da un pubblico più giovane supportato da famiglie e/o insegnanti (Beach, 2012; Gray, Thomas e Lewis, 2010).
Il metodo fenomenologico si rivela particolarmente appropriato per esplorare i rapporti tra apprendimento, estetica e nuovi media in una prospettiva qualitativa, come nel case-study
complessivo di Books of Art (Cilesiz, 2011; Cocek, 2012; Lauwers, 2013; Hycner, 1985).
La fenomenologia tenta di concettualizzare l’esperienza vissuta esplorarando come i fenomeni sono consapevolmente esperiti nel mondo della vita, attraverso un’interazione diretta tra il ricercatore e il fenomeno analizzato (Giorgi, 1994; Moustakas, 1994).
Metodologicamente, la riduzione fenomenologica garantisce obiettività durante l’analisi dei dati in una ricerca qualitativa (Giorgi, 2009; Padilla-Díaz, 2015; Ellett, 2011). La fenomenologia non insegue definizioni dogmatiche ma si propone di descrivere i fenomeni e i loro vissuti. Lo studio dell’esperienza nella sua profondità è sostenuto da una sistematica aperta che integra i significati parziali, il livello teorico e pragmatico, i dati qualitativi e quantitativi.

Tale ricerca raccoglie i dati attraverso interviste approfondite e osservazioni dirette. Sono inoltre raccolti dati quantitativi per ottenere informazioni di base, ad esempio tramite domande come ogni quanto? e quante volte?. I partecipanti descrivono le loro esperienze ed emozioni in maniera personale e soggettiva. Essi sono considerati come co-ricercatori e forniscono feedback costanti sulle interpretazioni del ricercatore (On Tam, 2008; Rose, 2011; Knepper and Wyllie, 2012). I partecipanti possono essere reali (studenti in contesti scolastici, partecipanti a eventi extrascolastici) o virtuali (visitatori del sito).

Books of Art si basa sulla omonima pagina Facebook creata nel 2014 e che attualmente conta più di 20000 followers. Il sito può quindi ragionevolmente iniziare con un discreto numero di visitatori.
La pagina Facebook nasce per ordinare e condividere le poesie che ho trascritto nel corso degli anni su sette quaderni: leggevo poesie in biblioteche, libri prestati, citate in fumetti o articoli di giornale – e temevo di dimenticarle. Le poesie – trascritte per ricordarle – non seguono quindi alcun ordine e sono state scelte in quanto ispiratrici per vari motivi. Ci sono più di 100 autori diversi e trattano delle tematiche più disparate. Essendo un numero considerevole, già nel 2012 avevo deciso di iniziare a ordinarle in un archivio ma rispondendo a una precisa volontà di condivisione e divulgazione: dopo alcuni tentativi e riflessioni, ho optato per la pagina Facebook con l’associazione di un’opera d’arte. Tale associazione è resa possibile da un mio immenso archivio di immagini categorizzate in parole chiave.

Il sito, essendo più recente, non ha ancora lo stesso numero di contenuti presenti su Facebook e presenta ancora una serie di sfide tecniche. Rispetto alla sola pagina Facebook il sito conferisce maggiore autorità e credibilità e fornisce un maggiore controllo sulla narrazione, nonché la possibilità di creare un aspetto unico e professionale. Infine, gli utenti si aspettano che io abbia un sito – infatti, avevo ricevuto molte richieste al riguardo. I social media – in particolare Instagram, Facebook e Pinterest – diventano quindi un modo per condividere i contenuti presenti nel sito e strumenti necessari per raggiungere un nuovo pubblico e indirizzarlo al sito. Dato che sto ancora pubblicando il quarto quaderno, il progetto di Books of Art è comunque da considerarsi in fieri.

Per facilitare la lettura delle poesie e fornire una prospettiva interdisciplinare ho deciso di associarle ad opere d’arte (dal XIV secolo a oggi). Le immagini offrono benefici sostanziali in quanto consentono agli utenti di immaginare visivamente il testo e il suo significato, e lo caricano di un punto di vista unico. L’immagine semplifica quindi il testo della poesia a livello visivo, rendendone il significato in maniera complessiva ed emozionale – non didascalica. La scelta di usare opere d’arte e non altri tipi di immagini dipende dalla volontà di voler condividere l’arte in sé e dal voler stimolare una riflessione estetica a più livelli. A livello didattico, ciò porta all’acquisizione di nuovi concetti e conoscenze, o all’approfondimento di essi.
Tramite l’associazione poesia-opera d’arte i partecipanti possono quindi:
• immaginare e rappresentare il testo in maniera visiva
• creare una connessione unica e personale con la scrittura
• accrescere il senso di riflessione sull’opera proposta, intesa come binomio poesia e
opera d’arte

Come altro obiettivo, Books of Art si propone di dar luogo a nuovi progetti di traduzione in lingua inglese riguardanti poesie italiane contemporanee e del secolo precedente non ancora tradotte o proponendo nuove e ulteriori traduzioni. Tale prospettiva è molto eccitante in quanto consentirebbe al sito di promuovere traduzioni inedite a un pubblico di lingua inglese, nella prospettiva anche di valorizzare il nostro patrimonio letterario all’estero.
Ogni poesia è presentata (qualora possibile) sia in inglese che in italiano, rispondendo a un duplice scopo. In primis, il sito può così rivolgersi a un pubblico più ampio a livello linguistico; in secundi, è utile per aumentare la conoscenza della lingua inglese nel pubblico italiano. In particolare, è molto utile a scuola per far ragionare gli studenti sul significato di traduzione di una poesia, nonché per metterli alla prova con degli esercizi di traduzione (questo inoltre aumenta il senso di appropriazione personale di un’opera).

Books of Art desidera condividere e promuovere l’arte. Pertanto, intende:
• coinvolgere attivamente gli utenti nel processo di apprendimento
• fornire loro una certa conoscenza dell’arte e della poesia in una prospettiva multi e
interdisciplinare
• garantire un’esperienza centrata sull’utente
• offrire all’utente un senso di proprietà e progressione personale
• ispirare creatività e ulteriori ricerche, come nuove traduzioni
• incoraggiare l’accessibilità e la partecipazione all’arte
• essere rilevante per le generazioni più giovani

What is digital learning? What does Books of Art achieve in terms of digital learning? (Bibliography included)

Cosa si intende con digital learning? Perchè Books of Art può considerarsi un esempio di digital learning? (Include bibliografia)