Get a site

Catullus – Time that you stopped this foolishness, Catullus/Basta con la pazzia, sventurato Catullo

Lawrence Alma-Tadema, Ask me no more, 1906

Time that you stopped this foolishness, Catullus,
and gave up hoping for what has gone.
Your days have burned brightly: you went once
wherever your mistress took you – she you loved
as none will be loved now. Such appetite,
such glad sport; you made your desire known,
and the girl was not backward. Sun-drenched days.
Now she no longer wants it; you, poor fool,
must think the same. Give up the chase, then –
no regrets. You must be firm, endure.
Farewell, love: Catullus’ mind hardens.
He’ll not beg favours against your will.
And you’ll be the loser – on the shelf, unwanted.
What will you do now? who’ll come visiting?
Who’ll find you beautiful? whom will you love?
Who’ll possess you? whose lips for your kisses?
Whose nibbling lips?
Harden your mind, Catullus:
no regrets. You must be firm. Endure.

(Transl. by Humphrey Clucas)

Basta con la pazzia, sventurato Catullo.
E ciò che vedi morto impara che è perduto.
Ci sono stati giorni splendidi, nel sole.
E andavi dove lei ti conduceva,
l’amata come non sarà nessuna,
e avvenivano cose deliziose
che tu volevi e lei non disvoleva.
Davvero giorni splendidi nel sole.
Ora non vuole più. Dunque anche tu
non volere. Non inseguire ciò che fugge,
o uomo senza freno, non vivere infelice.
Sii ostinato, Catullo, sii deciso.
Addio, ragazza. Catullo è deciso,
se non vuoi non ti cerca, non ti chiede.
Però ne soffrirai, se non ti cercano.
Sventurata, che vita ti rimane.
Verrà qualcuno? E ti vedranno bella?
E l’amore? Dirai più “Sono sua”?
Bacerai? Morderai labbra amate?
Catullo, sii ostinato, sii deciso.