Get a site

Cesare Pavese – The night you slept

Franco Polizzi, Notte di plenilunio con figure, 2002

Even the night looks like you,
the remote night that cries
silent, inside the deep heart,
and the tired stars pass.
A cheek touches a cheek;
it’s a cold shiver, someone
struggles and entreats you, alone,
lost in you, in your fever.

The night suffers and longs for dawn,
poor heart that jolts.
O closed face, dark anguish,
fever that saddens the stars,
there are those like you waiting for the dawn
scrutinizing your face in silence.
You are lying under the night
like a closed dead horizon.
Poor heart that jolts,
one far-off day you were the dawn.

Anche la notte ti somiglia,
la notte remota che piange
muta dentro il cuore profondo,
e le stelle passano stanche.
Una guancia tocca una guancia
è un brivido freddo, qualcuno
si dibatte e t’implora, solo,
sperduto in te, nella tua febbre.

La notte soffre e anela l’alba,
povero cuore che sussulti.
O viso chiuso, buia angoscia,
febbre che rattristi le stelle,
c’è chi come te attende l’alba
scrutando il tuo viso in silenzio.
Sei distesa sotto la notte
come un chiuso orizzonte morto.
Povero cuore che sussulti,
un giorno lontano eri l’alba.