Get a site

Edith Sodergran – Crepuscoli viola / Violet dusks

Salvador Dalì, Dream caused by the flight of a bee around a pomegranate a second before awakening, 1944

Violet dusks I bear within me from my origins,
naked maidens at play with galloping centaurs. . .
Yellow sunlit days with gaudy glances,
only sunbeams do true homage to a tender woman’s body …
The man has not come, has never been, will never be …
The man is a false mirror that the sun’s daughter angrily throws against the rock-face,
the man is a lie that white children do not understand,
the man is a rotten fruit that proud lips disdain.
Beautiful sisters, come high up on to the strongest rocks,
we are all warriors, heroines, horsewomen,
eyes of innocence, heavenly foreheads, rose masks,
heavy breakers and birds flown by,
we are the least expected and the deepest red,
stripes of tigers, taut strings, stars without vertigo.

Crepuscoli viola porto in me, dall’origine,
vergini nude, che giocano con centauri galoppanti…
Giorni gialli di sole con magnifici sguardi,
solo i raggi del sole festeggiano degnamente.
Un tenero corpo di donna…
L’uomo non è venuto, non c’è mai stato, mai ci sarà…
L’uomo è uno specchio fallace,
che la figlia del sole getta furiosa contro il fianco della rupe,
l’uomo è una menzogna, che non capisce i bimbi innocenti,
l’uomo è un frutto marcio, che disdegna le labbra fiere.
Sorelle care, venite in alto, su…Sulle rocce più salde,
siamo tutte guerriere, eroine, amazzoni,
occhi innocenti, fronti di cielo, larve di rosa,
ondate grevi e uccelli smarriti,
siamo i rossi meno attesi e più profondi,
macchie di tigre, corde tese, stelle senza vertigine.