Get a site

Vincenzo Cardarelli – Ultima speme

Hermanus Posthumus, Landscape with Roman Ruins, 1536

La nostra misera gloria
é una pingue colonia
per il vorace appetito
dei nostri nemici.
I vermi già ci divorano da vivi.
E tra poco di noi non rimarrà
che il lor rifiuto,
l’ultima, imponderabile materia
che in aria e in luce si tramuterà.
O sublime residuo!
Intangibile essenza!
Tu sola, arida polvere,
non patirai l’oltraggio dei viventi.
In te forse, in quel soffio
di cenere superstite,
è la prova dell’anima,
il segno indistruttibile
dell’immortalità.

Do you know this poem in English? Please contact me