Get a site

Osip Mandelstam – Irreparabile è questa notte / This night is irredeemable

Zdzislaw Beksinski, In hoc signo vinces, c. 2000

This night is irredeemable.
Where you are, it is still bright.
At the gates of Jerusalem,
 a black sun is alight.
The yellow sun is hurting,
 sleep, baby, sleep.
The Jews in the Temple’s burning
 buried my mother deep.
Without rabbi, without blessing,
 over her ashes, there,
 the Jews in the Temple’s burning
 chanted the prayer.
Over this mother,
Israel’s voice was sung.
 I woke in a glittering cradle,
 lit by a black sun.

Irreparabile è questa notte,
 e da voi continua a essere chiaro in cielo.
Gerusalemme, alle tue porte
  hai visto levarsi il sole nero.
Il sole giallo ancor più spaventa
 (ninna nanna: su, dormi!) le esequie
 di mia madre nel chiaro tempio
 celebrano i figli di Giudea.
 Esclusi dalla grazia di Cristo,
 privi del sacerdozio, intonano
 salmodie nel chiaro tempio – il rito
 funebre alle spoglie di una donna.
 Ed echeggiano sopra mia madre
 le voci dei figli d’ Israele.
Dentro la culla gli occhi io riapro,
 circonfuso dal sole nero.