Get a site

John Donne – Love’s Growth

Arthur Lemon, The wooing of Daphnis, 1881

I scarce believe my love to be so pure
As I had thought it was,
Because it doth endure
Vicissitude, and season, as the grass;
Methinks I lied all winter, when I swore
My love was infinite, if spring make’ it more.

But if medicine, love, which cures all sorrow
With more, not only be no quintessence,
But mixed of all stuffs paining soul or sense,
And of the sun his working vigor borrow,
Love’s not so pure, and abstract, as they use
To say, which have no mistress but their muse,
But as all else, being elemented too,
Love sometimes would contemplate, sometimes do.

And yet no greater, but more eminent,
Love by the spring is grown;
As, in the firmament,
Stars by the sun are not enlarged, but shown,
Gentle love deeds, as blossoms on a bough,
From love’s awakened root do bud out now.

If, as water stirred more circles be
Produced by one, love such additions take,
Those, like so many spheres, but one heaven make,
For they are all concentric unto thee;
And though each spring do add to love new heat,
As princes do in time of action get
New taxes, and remit them not in peace,
No winter shall abate the spring’s increase.

Faccio fatica a credere il mio amore
puro come in me pensavo,
se come l’erba esso patisce
mutevoli vicende e le stagioni.
Durò tutto l’inverno allora la menzogna, 
di giurare che il mio amore era infinito, 
se primavera lo accresce ancora.
Ma se questa medicina, l’amore, farmaco di ogni dolore,
di grande dolore, non è solo quintessenza,
ma mistura d’ogni sostanza, anima che soffre 
o senso, e dal sole mutua
il fervido vigore, amore non è 
purezza e astrazione, come è solito dire
chi ha la sua Musa, unico amore.
Ma, come ogni altra cosa composta di elementi, 
amore vuole contemplazione e azione.
Ma non più grande, più eminente
amore a primavera è fatto,
come nel firmamento il sole 
non dà ampiezza alle stelle, ma risalto;
e gentili atti d’amore, fiori su un ramo,
ora gemmano dalle sue radici deste.
Se come nell’ acqua smossa il primo cerchio
muove altri cerchi, se amore
conosce addizioni, esse sono
come le sfere che fanno un solo cielo, 
perchè tutte concentriche a te.
E sebbene primavera aggiunga 
nuovo ardore all’amore, come in guerra i principi
impongono nuove tasse, in pace non rimesse,
non c’è inverno che toglierà vigore
alla crescita primaverile d’amore.