Get a site

Jack Kerouac – Mexican Loneliness

Stefano Ronchi, Landscape, 2014

And I am an unhappy stranger
grooking in the streets of Mexico-
My friends have died on me, my
lovers disappeared, my whores banned,
my bed rocked and heaved by
earthquake – and no holy weed
to get high by candlelight
and dream – only fumes of buses,
dust storms, and maids peeking at me
thru a hole in the door
secretly drilled to watch
masturbators fuck pillows –
I am the Gargoyle
of Our Lady
dreaming in space
gray mist dreams —
My face is pointed towards Napoleon
—— I have no form ——
My address book is full of RIP’s
I have no value in the void,
at home without honor, –
My only friend is an old fag
without a typewriter
Who, if he’s my friend,
I’ll be buggered.
I have some mayonnaise left,
a whole unwanted bottle of oil,
peasants washing my sky light,
a nut clearing his throat
in the bathroom next to mine
a hundred times a day
sharing my common ceiling –
If I get drunk I get thirsty
– if I walk my foot breaks down
– if I smile my mask’s a farce
– if I cry I’m just a child –
– if I remember I’m a liar
– if I write the writing’s done –
– if I die the dying’s over –
– if I live the dying’s just begun –
– if I wait the waiting’s longer
– if I go the going’s gone
if I sleep the bliss is heavy
the bliss is heavy on my lids
– if I go to cheap movies
the bedbugs get me –
Expensive movies I can’t afford
– if I do nothing
nothing does

E sono uno straniero infelice
contento di scappare per le strade del Messico
I miei amici sono morti su di me, le mie
amanti svanite, le puttane bandite,
il mio letto sbattuto e sollevato dal
terremoto – e niente erbasanta
per uno sballo a lume di candela
e sognare – solo spurghi d’autobus,
ventate polverose, e cameriere che mi sbirciano
da un buco nella porta
segretamente attizzate alla vista
degli onanisti fottenti cuscini –
Io sono la Gargolla
di Nostra Signora
che sogna nello spazio
sogni di grigia nebbia –
Il mio volto è puntato verso Napoleone
– io non ho forma –
La mia agenda è piena di DEFUNTO
non ho valore nel vuoto,
in patria senza onore, –
il mio unico amico è un vecchio pederasta
senza macchina per scrivere
chi, se è mio amico,
lo beccherò nel culo.
Mi resta ancora un po’ di maionese,
tutta un’inutile bottiglia d’olio,
contadini mi lavano il lucernaio,
un matto si schiarisce la voce
nel bagno a fianco
cento volte al giorno
condividendo il soffitto con me –
se mi ubriaco mi viene sete
– se cammino il piede mi cede
– se sorrido la mia maschera è una farsa
– se piango non sono che un bambino –
– se mi ricordo sono bugiardo
– se scrivo la scrittura è passata –
– se muoio il morire è finito –
– se vivo è appena cominciato –
– se aspetto l’attesa è più lunga
– se vado l’andare è andato –
se dormo la beatitudine è pesa –
mi pesa sulle palpebre –
– se vado a un cinema da poco prezzo
mi assalgono le cimici –
I costosi non me li posso permettere
– se non faccio niente
niente fa