Get a site

Giorgos Seferis – Santorini

Jamie Wyeth, The islander, 1976

Bend if you can to the dark sea forgetting
 the flute’s sound on naked feet
 that trod your sleep in the other, the sunken life.

Write if you can on your last shell
 the day the place the name
 and fling it into the sea so that it sinks.

We found ourselves naked on the pumice stone
 watching the rising islands
 watching the red islands sink
 into their sleep, into our sleep.
Here we found ourselves naked, holding
 the scales that tipped toward injustice.

The instep of power, unshadowed will, considered love,
 projects that ripen in the midday sun,
 the course of fate with a young hand
 slapping the shoulder;
 in the land that was scattered, that can’t resist,
 in the land that was once our land
 the islands, -rust and ash- are sinking.

 Altars destroyed
 and friends have forgotten
 leaves of the palm tree in the mud.

Let your hands go traveling if you can
 here on time’s curve with the ship
 that touched the horizon.
When the dice struck the flagstone
 when the lance struck the breast-plate
 when the eye recognized the stranger
 and love went dry
 in punctured souls;
 when looking around you see
 feet harvested everywhere
 dead hands everywhere
 eyes darkened everywhere;
 when you can’t any longer choose
 even the death you wanted as your own-
 hearing a cry,
 even the wolf’s cry,
 your due:
 let your hands go traveling if you can
 free yourself from unfaithful time
 and sink-
 So sinks whoever raises the great stones.

Piega, se puoi, sul mare scuro dimenticando
 la musica di un flauto sopra quei piedi nudi
 che calcarono il tuo sonno in quell’altra
 vita ora sommersa.

Scrivi, se puoi, sull’ultimo tuo ciottolo
 il giorno il nome il luogo
 gettalo a mare perché vada a picco.

Ci siamo ritrovati nudi sopra la pomice
 rimirando le isole affioranti
 rimirando le rosse isole andare a fondo
 nel loro sonno, nel nostro.
Ci siamo ritrovati qua nudi, con la bilancia
 che traboccava verso l’ingiustizia.

Tallone di potenza volontà senz’ombra calcolato amore
 piani che si maturano al sole meridiano
 rotta del fato al battito della giovane mano
 sull’omero:
 qui nel luogo smembrato che non regge
 nel luogo che fu nostro
 colano a picco – ruggine e cenere – le isole.

Are crollate
 e gli amici scordati,
 foglie di palma nel fango.

Lascia, se puoi, viaggiare le tue mani
 sul margine del tempo con la nave
 che toccò l’orizzonte.
Quando il dado ha battuto sul marmo
 e la lancia ha battuto la corazza
 e l’occhio ha conosciuto il forestiero
 e seccato è l’amore
 in anime bucate,
 quando ti guardi attorno e tutt’in giro
 trovi piedi falciati
 in giro mani morte
 occhi ciechi di buio,
 quando non hai più scelta
 di quella morte che volevi tua,
 udendo un grido
 e sia grido di lupo,
 il tuo diritto,
 lascia, se puoi, viaggiare le tue mani
 staccati via dal tempo infido e cola
 a picco:
 chi solleva i macigni cola a picco.