Get a site

Gabriele D’Annunzio – I want a slow painful love/Voglio un amore doloroso

Artemisia Gentileschi, Jael and Sisera, 1620

I want a slow painful love,
as slow as a slow death 
and with no end (I want it to be stronger than death)
and with no change either, no.
I want our two souls to undergo,
without a moment’s peace, a dark torment;
and in a rapt silence the lament at our doors 
of an ocean, alone, below.
I want the high tower made of granite
 and rising so high in the serene sky
that it could with the polar star be entwined.
 I want a bed of crimson and to find
 when in that shade and on that breast I lie,
as if deep inside a tomb, the Infinite.

Voglio un amore doloroso, lento,
che lento sia come una lenta morte,
e senza fine (voglio che più forte
sia della morte) e senza mutamento.
Voglio che senza tregua in un tormento
occulti sien le nostre anime assorte;
e un mare sia presso a le nostre porte,
solo, che pianga in un silenzio intento.
Voglio che sia la torre alta granito,
ed alta sia così che nel sereno
sembri attingere il grande astro polare.
Voglio un letto di porpora, e trovare
in quell’ombra giacendo su quel seno,
come in fondo a un sepolcro, l’ Infinito.