Get a site

Gabriele D’Annunzio – I pastori / The Shepherds

Giovanni Fattori, Il Salto Delle Pecore (The Sheeps' Jump), 1887

September, let us go. It’s time to migrate.
Now in the land of Abruzzi my shepherds
leave the pens and go down to the sea:
they go down to the wild Adriatic
that is green like the mountain pastures.

They drank deeply from the mountain
springs, so that the taste of native water
will remain in the exiled hearts to comfort them
that long will deceive their thirst on the way.
They renewed their hazelnut rods.

And they go along the ancient track to the plain,
almost a silent grassy river
on the footsteps of the ancient fathers.
O voice of that one who first
sights the trembling of the sea!

Now along the seafront are going
the sheep. Without change is the air.
The sun makes the living wool so yellow
that almost from the sand does not differ.
waves lapping, stamping, sweet noises.

Alas, why am I not with my shepherds?

Settembre, andiamo. È tempo di migrare.
Ora in terra d’Abruzzi i miei pastori
lascian gli stazzi e vanno verso il mare:
scendono all’Adriatico selvaggio
che verde è come i pascoli dei monti.

Han bevuto profondamente ai fonti
alpestri, che sapor d’acqua natia
rimanga ne’ cuori esuli a conforto,
che lungo illuda la lor sete in via.
Rinnovato hanno verga d’avellano.

E vanno pel tratturo antico al piano,
quasi per un erbal fiume silente,
su le vestigia degli antichi padri.
O voce di colui che primamente
conosce il tremolar della marina!

Ora lungh’esso il litoral cammina
La greggia. Senza mutamento è l’aria.
Il sole imbionda sì la viva lana
che quasi dalla sabbia non divaria.
Isciacquio, calpestio, dolci romori.

Ah perché non son io cò miei pastori?