Get a site

Federico Garcia Lorca – Weather vane/Banderuola

Winslow Homer, The west wind, 1891

South wind
dark and fiery
onto my skin
you scatter seed
from brilliant
glances, wet
with blossom.
You redden the moon
draw sobs
from captive poplars, but
you come too late.
I’ve already rolled my night’s story up
high on the shelf.
When there’s no wind
take care!
Turn, heart.
Heart, turn.
North wind
white bear wind
onto my flesh
trembling like polar
lights, caped
with your spectral
captains
cackling as Dante
cries out.
Polisher of stars
you come
too late.
My storechest is rotten.
I have lost the key.
When there’s no wind
take care!
Turn, heart.
Heart, turn.
Elfish breezes, and winds
from nowhere
mosquitos from
the pyramid petals of the rose
trade winds weaned
between crude trees
storm-blown flutes
leave me!
Strong chains hold
my memory
and the bird
whose trills outline the evening
is a prisoner.
Things that depart never return
as we all know
and in the clear bustle of the winds
it’s useless to moan
– Isn’t that right, poplar, master of the breeze?
It’s useless to moan.
When there’s no wind
take care!
Turn, heart.
Heart, turn.

Vento del sud,
bruno, ardente,
scendi sulla mia carne
e porti semi
di sguardi
brillanti col profumo
d’aranceti.
Fai arrossire la luna
e singhiozzare
i pioppi prigionieri, ma vieni
troppo tardi!
Ho già deposto la notte del mio racconto
nello scaffale.
Senza vento,
credimi,
gira, cuore;
gira, cuore.
Vento del nord,
orso bianco del vento!
Scendi sulla mia carne
tremante d’aurore boreali
col tuo strascico di spettri capitani
e ridendo di Dante.
O pulitore di stelle!
Ma vieni
troppo tardi.
La casa dell’anima è coperta di muschio
e ho perso la chiave,
Senza vento,
credimi,
gira, cuore;
gira, cuore.
Brezze, gnomi e venti
di nessun luogo.
Zanzare della rosa
di petali a piramide.
Alisei filtrati
fra gli alberi rudi,
flauti nella burrasca
lasciatemi!
Il mio ricordo
trascina pesanti catene
e l’uccello è prigioniero
quando disegna di trilli
la sera.
Le cose che se ne vanno non tornano piú,
tutti lo sanno,
e fra l’illustre moltitudine dei venti
è inutile lamentarsi.
Non è vero, pioppo, maestro di brezza?
È inutile lamentarsi.
Senza vento,
credimi,
gira, cuore;
gira, cuore.