Get a site

Christina Rossetti – A Pause Of Thought

Louis Janmot, Flower of the fields, 1845

I looked for that which is not, nor can be,
And hope deferred made my heart sick in truth
But years must pass before a hope of youth
Is resigned utterly.
I watched and waited with a steadfast will:
And though the object seemed to flee away
That I so longed for, ever day by day
I watched and waited still.
Sometimes I said: This thing shall be no more;
My expectation wearies and shall cease;
I will resign it now and be at peace:
Yet never gave it o’er.
Sometimes I said: It is an empty name
I long for; to a name why should I give
The peace of all the days I have to live?–
Yet gave it all the same.
Alas, thou foolish one! alike unfit
For healthy joy and salutary pain:
Thou knowest the chase useless, and again
turnest to follow it.

Quel che non è e non può essere ho cercato,
per una speranza prolungata si è ammalato il cuore:
ma occorrono anni per abbandonare 
una speranza di gioventù.
Aspettavo vigile e risoluta:
l’oggetto anelato sembrava fuggire,
pure di giorno in giorno,
vigile aspettavo.
A volte dicevo: tutto questo non sarà mai,
la speranza vacilla e finirà. 
Ora rinuncio e troverò pace:
e non ho rinunciato mai.
A volte dicevo: quello che desidero
è un vuoto nome, perchè dare via per un nome
la pace dei miei giorni?
Pure io la davo.
Sciocca! Incapace di sana gioia
e di salutare dolore:
è una traccia vana
e ancora l’insegui.