Get a site

Camillo Sbarbaro – Ora che sei venuta / Now that you have come

Luigi Conconi, Dancing couple, 1888

Now that you have come,
dancing into my life
a guest in a closed room,
to welcome you, love longed for so long,
I lack the words, the voice,
and I am happy just in silence by your side.
The chirping that deafens the woods at dawn,
stills when the sun leaps to the horizon.
But my unrest sought you, when as a boy,
on summer nights I came stifled to the window:
for I didn’t know, and it worried my heart.
And yours are all the words that came,
like water brimming over, unbidden to my lips,
the desert hours, when childishly
my adult lips rose, alone, longing for a kiss…

Ora che sei venuta,
che con passo di danza sei entrata
nella mia vita
quasi folata in una stanza chiusa –
a festeggiarti, bene tanto atteso,
le parole mi mancano e la voce
e tacerti vicino già mi basta.
Il pigolio così che assorda il bosco
al nascere dell’alba, ammutolisce
quando sull’orizzonte balza il sole.
Ma a te la mia inquietudine cercava
quando ragazzo
nella notte d’estate mi facevo
alla finestra come soffocato:
che non sapevo, m’affannava il cuore.
E tutte tue sono le parole
che, come l’acqua all’orlo che trabocca,
alla bocca venivano da sole,
l’ore deserte, quando s ‘avanzavan
puerilmente le mie labbra d’uomo
da sé, per desiderio di baciare…