Get a site

Allen Ginsberg – Message

Edward Hopper, Morning in a city, 1944

Since we had changed
rogered spun worked
wept & pissed together
I wake up in the morning
with a dream in my eyes
but you are gone in NY
remembering me Good
I love you I love you
& your brothers are crazy
I accept their drunk cases
It’s too long that I have been alone
it’s too long that I’ve sat up in bed
without anyone to touch on the knee, man
or woman I don’t care what anymore, I
want love I was born for I want you with me now
Ocean liners boiling over the Atlantic
Delicate steelwork of unfinished skyscrapers
Back end of the dirigible roaring over Lakehurst
Six women dancing together on a red stage naked
The leaves are green on all the trees in Paris now
I will be home in two months and look you in the eyes.

Da quando ci siamo cambiati
abbiamo goduto filato
lavorato pianto e pisciato insieme
mi sveglio al mattino con un sogno negli occhi
ma tu sei andato a New York
ricordandomi Bene
ti amo ti amo
e i tuoi fratelli sono pazzi 
accetto la loro vita ubriaca
è troppo tempo che sono solo
è troppo tempo che sto seduto sul letto
senza nessuno a cui toccare un ginocchio, uomo o donna non mi importa più quale, 
voglio l’amore per il quale sono nato
voglio te qui con me ora
piroscafi oceanici che ribollono sull’Atlantico
delicate strutture d’acciaio di grattacieli incompiuti
poppa del dirigibile che rugge sopra Lakehurst
sei donne che danzano insieme su un palcoscenico rosso nude
le foglie sono verdi su tutti gli alberi a Parigi ora
tra due mesi sarò a casa e ti guarderò negli occhi.